nanotossicologia: elenco dei prodotti contenenti nanoparticelle di biossido di titanio, silicio o metalli pesanti


La nanotossicologia è la parte della tossicologia che studia la tossicità e i potenziali effetti sull’ambiente e sulla salute umana dei nanomateriali e delle particelle aventi dimensione micrometrica o nanometrica. Su tale scala, infatti, il comportamento biochimico delle sostanze può essere significativamente differente rispetto a quello riscontrabile su scale maggiori, e quindi avere effetti non previsti. Per tale ragione, l’Agenzia Francese per la Sicurezza nella Sanità, nell’Ambiente e nel Lavoro (AFSSET), invita le aziende ad indicare in etichetta la presenza ed il tipo di nanoparticelle, consentendone la tracciabilità, sottolineando l’opportunità di valutare bene il rapporto rischio-beneficio prima di utilizzare nuovi nanomateriali.

Purtroppo però, i nanomateriali, sono già diffusamente presenti in molti prodotti di largo consumo, dal settore cosmetico all’edilizia, dalla medicina all’elettronica, dal tessile agli imballaggi,  dagli alimenti agli articoli sportivi. Ad esempio nel settore salute e benessere vi sono più di 700 prodotti tra cui cosmetici e creme solari; segue l’abbigliamento con 170 prodotti, attrezzature sportive con 110 prodotti senza contare poi gli infiniti impieghi nel settore edile molto spesso “paradossalmente” pubblicizzati come prodotti e rivestimenti con “caratteristiche antibatteriche, anti-smog, fotocatalatitiche, anti-inquinamento, biocompatibili, ecologiche”

Più nel dettaglio i prodotti nanotecnologici li troviamo:

  • nei capi di abbigliamento, biancheria intima, calzini, scarpe e tovaglie in cui vengono prevalentemente impiegati  come sostanze idrorepellenti e/o autopulenti e/o antibatteriche;
  • nel settore edilizio vengono impiegati  prevalentemente nel calcestruzzo, nelle malte auto-riparanti,  nei cementi e pitture fotocaltalitiche, nell’acciaio per migliorare la corrosione, nel legno per migliorare la resistenza agli UV e all’umidità, nei materiali compositi in legno-plastica, sui vetri come prodotti autopulenti, antigraffio, anti UV, o per migliorare le prestazioni termiche,  nei rivestimenti in ceramica o gres con caratteristiche antibatteriche e/o autopulenti,  nei manufatti per coperture, negli asfalti e betoncini stradali,     nelle pitture fotocatalitiche,  nei rivestimenti antismog,  nei pannelli fotovoltaici, turbine eoliche, nei PCM (materiali a cambiamento di fase) aerogel, nanolaser,  nanoisolanti, film sottili; 
  • negli articoli sportivi come ad esempio nelle palline e racchette da tennis, sci, montature per occhiali e lenti anti UV, giacconi da neve, tessuti per la pesca subaquea;
  • nel settore automobilistico sono prevalentemente presenti nelle carrozzerie, nei parabrezza per migliorare la resistenza ai graffi, nelle vernici come sostanza autopulente, nei diodi delle luci dei freni, nei fari, nei led, nei pneumatici;
  • nel settore alimentare sono presenti nello zucchero come sostanza antiagglomerante, negli imballaggi per migliorare la resistenza agli urti ed ai graffi, direttamente sugli alimenti al fine di ridurre la carica batterica, come additivinel settore cosmetico sono prevalentemente impiegati nelle creme solari, fondotinta, creme ristrutturanti, rigenerative;
  • nel settore medico-farmaceutico come sostanza antiagglomerante e veicolante, nelle protesi,   nei dentifrici come sostanza “microriparatrice”,  nelle  vitamine ed integratori per migliorare l’assorbimento, in spray, liquidi, polveri come sostanze antibatteriche, nei compositi ed amalgame dentali;
This entry was posted in GREENWASHING, inquinamento ambientale, nanoparticelle, nanoparticles, nanopatologie, nanotoxicology, polveri sottili, titanium nanoparticles and tagged , , , , , , , , , by Bart Conterio. Bookmark the permalink.

About Bart Conterio

Sono un bioarchitetto ed opero da oltre 25 anni nel settore specialistico della bioecologia dell'abitare, della salute, del benessere e dell'ambiente (abitare sostenibile, architettura bioclimatica, bioedilizia ed architettura del benessere, edilizia ad alta efficienza energetica) e dell' Hospitality & Wellness Design mediante un approccio progettuale "eco-minimalista" che esalta il valore della semplicità (.....doing more with less). Ho realizzato diversi interventi, sia in Italia che all’estero, prevalentemente nell’ambito della bio-edilizia residenziale, della progettazione turistico-ricettiva, ospitalità e benessere (hotel, eco B&B, bio-resort, SPA, wellness center, beauty farm) e del restauro architettonico di edifici di pregio storico-artistico, (dimore storiche, palazzi d'epoca, masserie) maturando una notevole esperienza di cantiere. Da diversi anni conduco ricerche sui temi della bioarchitettura olistica rivolta al miglioramento del benessere psicofisico e della salute, (Architettura del Benessere) dell’architettura bioclimatica in clima CSA ( clima temperato caldo mediterraneo a siccità estiva ) e dell'edilizia ad altissima efficienza energetica in zona climatica mediterranea ( nZEB, ovvero "edifici ad energia quasi zero", case in classe A4, case passive, Passivhaus, edifici Energy Plus, case solari per climi temperati ), progettando soluzioni innovative in grado di garantire un’alta qualità abitativa, soprattutto in termini di comfort, a costi estremamente accessibili. Alcuni dei miei progetti sono stati pubblicati sulle seguenti riviste e pubblicazioni di settore: Ottagono, Modulo, Abitare, Suite, Hotel Domani, Condé Nast-Traveller, Detail, Vogue, Time, Forbes, Cosmopolitan, Vanity Fair, World of Interior, Wall Street Journal Magazine, New York Times, Luxury Travel Magazine, WWD, AD, Biocasa, Turismo d’Italia, Code, Bravacasa, Ambiente Casa, Case architetture, Impianti Building.

Una risposta a "nanotossicologia: elenco dei prodotti contenenti nanoparticelle di biossido di titanio, silicio o metalli pesanti"

  1. Pingback: greenwashing | 0co2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...